Provincia di Chieti - Testata per la stampa
 

Fabbisogno standard per Comuni e Province. Adottata la nota metodologica

E' stato pubblicato, sulla GU n.80 del 5-4-2013 - Suppl. Ordinario n. 26, il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 21 dicembre 2012, "Adozione della nota metodologica e del fabbisogno standard per ciascun Comune e Provincia, relativi alle funzioni di polizia locale (Comuni), e alle funzioni nel campo dello sviluppo economico - servizi del mercato del lavoro (Province), ai sensi dell'art. 6 del decreto legislativo n. 216/2010".  

Ai sensi del decreto legislativo 26 novembre 2010, n. 216, pubblicato sulla G.U. n. 294 del 17-12-2010,  i fabbisogni standard constituiscono il riferimento cui rapportare progressivamente il finanziamento integrale della spesa relativa alle funzioni fondamentali e ai livelli essenziali delle prestazioni. Il citato decreto ha individuato, per le Province, in via provvisoria, due funzioni fondamentali: FP06U - Funzioni nel campo dello sviluppo economico - Servizi del mercato del lavoro; FP01U - Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo.

Il decreto ha affidato alla "Società per gli studi di settore - SOSE S.p.a.", con la collaborazione scientifica dell'Istituto per la finanza e per l'economia locale - IFEL, in qualità di partner scientifico, con la possibilità di avvalersi della collaborazione dell'ISTAT, e con la partecipazione del Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, per quanto di competenza, il compito di predisporre le metodologie occorrenti alla individuazione dei fabbisogni standard e di determinarne i valori con tecniche statistiche che diano rilievo alle caratteristiche individuali dei singoli  comuni e province.

La nota metodologica adottata con il DPCM 21 dicembre 2012, con riferimento alle Province, è relativa alla funzione FP06U - Funzioni nel campo dello sviluppo economico - Servizi del mercato del lavoro delle Province. Per visionarla, in formato grafico, visitare questo link.

E' possibile approfondire ulteriormente il Progetto Fabbisogni Standard, visitando il sito della SOSE:

Progetto Fabbisogni StandardSito della SOSE.
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito