1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Provincia di Chieti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

L'Arcivescovo Forte difende il ruolo delle Province

Il Presidente Di Giuseppantonio: "Il suo intervento è un punto di riferimento autorevole per tenere vivo un confronto di idee a tutto campo e senza pregiudizi"

La posizione espressa dall'Arcivescovo Bruno Forte sulla riforma degli Enti locali è condivisibile ed apprezzabile soprattutto perché porta luce su quel cono d'ombra che è stato calato ad arte, ormai da diversi mesi e nel silenzio di molti, sulla realtà dei Comuni ma soprattutto delle Province, oscurandone le funzioni e dunque la vicinanza ai cittadini. Mons. Forte, fine teologo, portato dalla sua missione pastorale ad un rapporto strettissimo con la gente - un legame esponenziale rispetto a quello che spesso i politici hanno o credono di avere con i cittadini - ha saputo cogliere ed esaltare nel suo intervento il valore del principio di sussidiarietà, e dunque di difesa delle istituzioni più vicine ai cittadini, che negli ultimi mesi è stato sacrificato sull'altare della riforma in atto, nel nome di un non meglio quantificato risparmio del denaro pubblico che determinerà scarsi benefici finendo col pesare, al contrario, sulla collettività e sui più deboli in particolare. Ha colto nel segno laddove da una parte sostiene la riduzione del numero dei parlamentari, che sarebbe foriera di un ben più consistente risparmio sui cosiddetti costi della politica, e dall'altra evidenzia come maggiori competenze farebbero delle Province, pur se nell'ambito di una riorganizzazione, enti ancora più prossimi, e dunque più utili ai cittadini.

Ma deve far riflettere anche il suo richiamo al paradosso che oggi vede la Provincia di Chieti "scomparire" pur avendo i requisiti per restare tale: anche in questo caso nel nome di una logica che guarda ai freddi numeri - leggasi il capoluogo più popoloso - ignorando il tessuto umano, culturale, industriale, direi identitario, di un vasto territorio come il nostro. Lungi da me, naturalmente, l'intento di strumentalizzare le posizioni di mons. Forte: l'Arcivescovo di Chieti Vasto, è  presule notoriamente attento alle vicende della politica, acuto osservatore della nostra realtà, e non manca di richiamare chi fa politica ad un impegno più incisivo a favore dei cittadini e delle comunità amministrate; così come non sfuggono i suoi richiami, a coloro che amministrano la cosa pubblica, ad ispirare gli stili di vita ad una maggiore sobrietà, onestà e concretezza. Per tutte queste ragioni il suo intervento può e deve rappresentare un punto di riferimento autorevole per tenere vivo un confronto di idee a tutto campo, senza pregiudizi di sorta, pronto a recepire istanze e proposte che vadano incontro alle esigenze delle nostre comunità che, nei diversi ruoli, ci hanno eletti e scelti perché ne fossimo la guida.