1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Provincia di Chieti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Negli Istituti scolastici della Provincia gli impianti di riscaldamento sono tutti regolarmente in funzione dal 1° novembre

L'Assessore Di Prinzio: "Non mi spiego come si sia potuto parlare di aule al gelo"

"Gli impianti di riscaldamento presso l'Ipsia e l'Itis di Chieti, e presso l'Itc di Atessa, sono perfettamente funzionamenti e, al riguardo, non è stato evidenziato alcun problema da parte delle istituzioni scolastiche. Nel caso dell'Itis, fra l'altro, il Dirigente scolastico sabato scorso ha compiuto personalmente una ricognizione, unitamente al personale della ditta addetta alla gestione dell'impianto: non riesco a spiegarmi come si sia potuto parlare di termosifoni spenti e di aule al gelo".

Lo afferma l'Assessore all'edilizia scolastica Donatello Di Prinzio: "Nel pieno rispetto delle normative, tutti gli impianti di riscaldamento degli Istituti scolastici di competenza della Provincia sono accesi dal primo novembre, ad eccezione di Ortona e San Salvo, che li riaccenderanno dopo il 15 novembre - aggiunge l'Assessore Di Prinzio - E, sempre dal primo novembre, tutte le Ditte di controllo e gestione degli impianti di riscaldamento e delle centrali termiche sono operative e ne hanno verificato l'efficienza. Attualmente le accensioni sono programmate per 3 ore al giorno, dalle ore 7 alle ore 10, in quanto la situazione climatica non è tale da giustificare ulteriori ore di riscaldamento con inutile dispendio di risorse economiche.  Gli impianti, dunque, stanno funzionando bene e comunque siamo pronti ad intervenire per mettere riparo a qualsiasi inconveniente. Dispiace leggere e ascoltare affermazioni che non rispondono alla realtà e mi auguro che si sia trattato solo di un equivoco".

L'Assessore Di Prinzio, poi, ci tiene ad evidenziare che la sua espressione "non so niente" apparsa sulla stampa lo scorso 11 novembre a proposito dei presunti casi di mancato funzionamento dei termosifoni in alcune Scuole, non va interpretata come una non assunzione di responsabilità. "Ero e sono convinto - conclude l'Assessore - che non ci sono stati problemi di alcun genere né erano stati segnalati disservizi. Di qui la mia risposta".