1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Provincia di Chieti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Risparmio energetico, energie rinnovabili e lotta agli sprechi negli edifici pubblici: firmata oggi a Chieti la Convenzione fra la Provincia e 92 Comuni per attuare il programma comunitario "Elena" finanziato con 80 milioni di euro

Il Presidente Di Giuseppantonio: "Un investimento senza precedenti per il nostro territorio, in grado di generare nei mesi prossimi centinaia di posti di lavoro"

E' stata firmata questa mattina a Chieti nella sala consiliare della Provincia la Convenzione fra la Provincia di Chieti e 92 Comuni nell'ambito del Programma comunitario "Elena". Il Programma, che è finanziato con 80 milioni di euro, 60 dei quali attraverso un mutuo concesso dalla Banca Europea per gli Investimenti (BEI), ha l'obiettivo di utilizzare  energie rinnovabili e  realizzare interventi finalizzati ad attuare misure di risparmio energetico e di efficientamento energetico negli edifici pubblici e nelle infrastrutture pubbliche di proprietà della Provincia di Chieti e dei Comuni che hanno aderito all'iniziativa con delibera di Consiglio Comunale.

La Convenzione, prevista dall'art. 30 del D.Lgs n. 267/2000 e firmata dai singoli Comuni, permette alla Provincia di Chieti  di operare, in nome e per conto dei Comuni, come centrale di appalto nelle gare pubbliche ad evidenza comunitaria per individuare le Esco, ovvero le Società di Servizi Energetici che effettueranno gli  interventi di efficientamento energetico a favore dei Comuni, firmando con questi ultimi i relativi contratti di appalto. Dei restanti 20 milioni si faranno carico le Esco che si ripagheranno dell'investimento e del costo dei servizi erogati attraverso una quota del risparmio energetico effettivamente conseguito grazie all'intervento di efficientamento energetico.

"La Provincia di Chieti è il terzo Ente in Italia ad essere ammesso al programma comunitario Elena, in Europa ci fanno compagnia i Comuni di Madrid e Parigi, la Provincia di Barcellona, la città olandese di Purmerende e quella portoghese di Villanova de Gaia - ha detto tra l'altro nel suo intervento il Presidente Enrico Di Giuseppantonio - Essere entrati a fare parte di questa ristretta cerchia a livello europeo è uno straordinario risultato.  Ciò dimostra che il legame fra la nostra Provincia e gli organi della Commissione e dell'Unione Europea è strettissimo e concreto e che a livello comunitario siamo considerati un partner affidabile, soprattutto capace di proporre progetti credibili, fattibili e pertanto finanziabili. E alla luce di quanto si andrà a realizzare posso poi affermare che la Provincia è anche un Ente utile, come dimostra il lavoro svolto con grande professionalità dal Settore ambiente, guidato dall'ing. Giancarlo Moca e da Alesa, la nostra Agenzia per l'energia e lo sviluppo ambientale".

"Ottanta milioni costituiscono un intervento finanziario senza precedenti per il nostro territorio - ha sottolineato il Presidente Di Giuseppantonio - un investimento in grado di generare centinaia di posti di lavoro nei prossimi mesi. Grazie al Programma Elena diamo il via ad una decisa svolta nella lotta agli sprechi, nel raggiungimento dell'efficienza energetica, nella lotta all'inquinamento e nella produzione di energia da fonti rinnovabili che deve diventare, assieme al turismo, la base di una nuova economia del nostro territorio, capace di produrre occupazione stabile e duratura".

"L'Assessore all'ambiente Eugenio Caporrella ha assicurato che i tempi di attuazione del programma verranno rispettati. "L'anno scorso abbiamo firmato in contratto con la BEI - ha ricordato l'Assessore Caporrella - e da allora sono state attivate tutte le complesse procedure previste dal Programma fra cui quella per la individuazione di un team interno all'Ente formato da esperti che si dovranno occupare di portare avanti il progetto; è stato fatto l'Avviso per individuare l'Istituto di credito che fungerà da intermediario finanziario e che deve avere tutti i requisiti stabiliti dalla BEI; è stato pubblicato il bando comunitario per individuare l'advisor giuridico. Inoltre abbiamo rinnovato  l'Avviso per individuare le professionalità idonee a svolgere gli audit tecnici sugli edifici. Mi auguro, a questo punto - conclude l'Assessore Caporrella - che tutto proceda senza intoppi e che entro un anno possano iniziare i lavori".