1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Provincia di Chieti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Unione delle Province Italiane: Di Giuseppantonio nominato oggi a Roma vice Presidente nazionale dell'UPI

Nomina su proposta del Presidente nazionale Antonio Saitta nel corso dell'assemblea alla quale hanno preso parte Presidenti e amministratori delle Province

Il Presidente Enrico Di Giuseppantonio è stato nominato oggi a Roma vice Presidente nazionale dell'Unione Province Italiane (Upi), su proposta del Presidente nazionale Antonio Saitta, nel corso dell'assemblea alla quale hanno preso parte Presidenti e amministratori delle Province.  Il Presidente Di Giuseppantonio, che è attualmente componente dell'Ufficio di Presidenza dell'Upi con delega allo Sviluppo locale, quando era Sindaco di Fossacesia venne nominato vice Presidente nazionale dell'Anci, l'Associazione Nazionale Comuni D'Italia.

"Questa nomina, che mi gratifica molto sul piano personale, arriva in un momento difficile e complesso per le Province, soprattutto per il loro futuro così come previsto nel piano di riordino varato dal Governo -  dice il Presidente Di Giuseppantonio - Nell'assumere il nuovo incarico metterò in campo l'esperienza che ho maturato fino ad oggi alla guida degli Enti locali e nella vita associativa all'interno dell'Anci e dell'Upi".

"Collaborerò con il Presidente Saitta nella consapevolezza che  ci attendono sfide molto importanti - sottolinea il Presidente Di Giuseppantonio - Aspettiamo con trepidazione la sentenza della Corte Costituzionale: il nuovo sistema elettorale che è stato previsto non è assolutamente democratico perché non garantisce i cittadini ma finisce solo con il rafforzare  la partitocrazia. Sul piano operativo, poi, le Province non possono continuare a fare i conti con i continui e pesantissimi tagli imposti dal Governo: ci sono emergenze da affrontare legate soprattutto alla viabilità e all'edilizia scolastica, che sono prioritarie rispetto a qualsiasi ipotesi di riordino. La nostra - conclude il Presidente Di Giuseppantonio - sarà dunque un'agenda di lavoro dettata dalle priorità ed è il tracciato su cui ci muoveremo nei prossimi mesi".