1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Provincia di Chieti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Erosione della costa, dal Presidente Di Giuseppantonio appello alla Regione

"Servono interventi urgenti, va scongiurata l'emergenza"

Le ultime mareggiate hanno reso ancora più difficile la situazione lungo la costa della provincia di Chieti, la più martoriata dell'Abruzzo. Il Presidente Enrico Di Giuseppantonio ha dunque inviato una lettera alla Regione affinché dia seguito alla richiesta di avviare progetti e  lavori a difesa del litorale chietino dal fenomeno dell'erosione, finanziandoli attraverso i fondi Fas ma anche attraverso altri fondi, purché si intervenga nel più breve tempo possibile.

"La Provincia nei mesi scorsi ha fatto un grande lavoro di ricognizione tecnica coordinando i Comuni interessati dai fenomeni erosivi ed ha elaborato una puntuale mappatura corredandola con una cartografia. In sostanza - dice il Presidente Di Giuseppantonio - abbiamo evidenziato compiutamente i fenomeni di erosione ma anche le frane e tutte le problematiche che sono state riscontrate sul territorio. Abbiamo inoltre indicato gli interventi che riteniamo necessari per fronteggiare il fenomeno, inviando alla Regione l'intero carteggio".

"Purtroppo con il passare del tempo la situazione di degrado del territorio in alcuni punti della costa si è aggravata - sottolinea il Presidente Di Giuseppantonio - e così dopo i danni subiti dal patrimonio paesaggistico e dal sistema turistico in generale,  si stanno verificando situazioni che mettono a rischio alcune abitazioni e dunque l'incolumità delle persone. A questo punto diventano improcrastinabili, da parte dei competenti Uffici della Regione, interventi e lavori a difesa del litorale, specie nel tratto compreso fra Torino di Sangro e Rocca San Giovani dove maggiori sono le criticità".

Non vorremmo - conclude il Presidente Di Giuseppantonio - che con l'arrivo del maltempo, e in assenza di azioni immediate e concrete, ci ritrovassimo a dover fronteggiare una vera e propria emergenza e, soprattutto, danni irreparabili".

Si allega la relazione redatta dall'Ufficio Pianificazione territoriale della Provincia relativa alla situazione erosiva, Comune per Comune, e agli interventi da eseguire.