1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Provincia di Chieti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Riaperto il Ponte Gogna, lavori terminati con due mesi di anticipo. Il Presidente Di Giuseppantonio e il Vice Tavani: "Strada fondamentale per la viabilità nella nostra Provincia"

"Oggi tagliamo un traguardo che vogliamo condividere con tutti i Comuni del comprensorio"

Nel corso di una cerimonia semplice svoltasi in loco questa mattina, è stato completamente riaperto al traffico il Ponte Gogna, un'infrastruttura realizzata nel 1930 che si trova lungo la Strada provinciale 100 Pedemontana, sull'ex SS 84 fra Casoli e S. Eusanio del Sangro e che dal dicembre del 2005 era percorribile a senso unico alternato a causa del progressivo degrado delle parti strutturali in elevazione e del crollo parziale dei parapetti in muratura provocato da un incidente stradale.

I lavori, appaltati all'impresa Strade e Ambiente di Chieti, sono stati finanziati con un mutuo di 300.000 che la Provincia ha contratto con la Cassa Depositi e Prestiti e sono stati realizzati e portati a termine con due mesi di anticipo sulla scadenza dei termini contrattuali. Tra i lavori effettuati la realizzazione di nuove pile, di nuovi plinti in cemento armato, di nuove spalle per le campate laterali e di un impalcato in cemento armato dello spessore di 50 centimetri, con funzione portante, largo 9 metri e 80 e lungo quasi 34 metri.

"Oggi restituiamo ad una fruibilità piena ed in sicurezza una strada fondamentale per la viabilità in provincia di Chieti - dicono il Presidente Enrico Di Giuseppantonio e il vice Presidente nonché assessore alla viabilità Antono Tavani - Basti pensare che su di essa grava l'intero traffico pendolare, scolastico e commerciale fra Casoli e Lanciano comprendendo tutta la media e alta valle dell'Aventino. Questa Amministrazione ha aggiornato un progetto esistente ma privo di finanziamento, lo ha aggiornato, ha contratto il mutuo, ha inserito l'intervento nella prima annualità del proprio piano delle opere pubbliche ed ha affidato i lavori seguendo quella logica delle priorità che ci siamo dati fin dall'inizio del mandato".

"Realizzare l'intervento durante l'estate, inoltre, ha determinato il minore intralcio  possibile, considerando la coincidenza con i tradizionali periodi di ferie e la chiusura delle scuole. Oggi orgogliosamente questo ponte viene restituito all'intera comunità in anticipo, mettendo fine a lunghi anni di disagi e attese. E' un traguardo raggiunto che la Provincia vuol condividere con tutti i Comuni dell'ampio comprensorio e per questo abbiamo voluto la presenza dei Sindaci e di tutti i Consiglieri e gli Assessori provinciali".


Il momento del taglio del nastro
Il ponte Gogna al termine dei lavori