1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Provincia di Chieti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Fondo Valle Sangro: dall'Anas il progetto cantierabile per realizzare gli ultimi 4 chilometri e il completamento dell'opera

Il Presidente Di Giuseppantonio: "Risultato significativo, pronti a sollecitare l'intervento del Governo"

L'Anas realizzerà il progetto cantierabile per completare l'ultimo tratto della Strada Statale 652, nota come Fondo Valle Sangro, fra Quadri e S. Angelo del Pesco di circa 4 chilometri. Grazie a tale progetto sarà possibile avviare i lavori non appena saranno disponibili i finanziamenti necessari, che si aggirano sui 160 milioni di euro. E' il risultato ottenuto questa mattina a Roma presso la sede dell'Anas dalla delegazione, di cui facevano parte i Presidenti delle Province di Chieti e Isernia Enrico Di Giuseppantonio  e Luigi Mazzuto, i senatori Fabrizio Di Stefano e Giovanni Legnini, il vice presidente di Confindustria Chieti Ivano Teodoro Calabrese, il rappresentante dei Sindaci Nicola Cicchitti, il presidente della Comunità Montana Montagna Sangro Vastese Arturo Scopino, Raffaele Trivilino per il Polo di Innovazione Automotive, il capo Compartimento Anas dell'Abruzzo ing. Lelio Russo, l'ing. Aniello e il dirigente Luciano D'Alfonso, i quali hanno incontrato l'ing. Gavino Corazza,  co-Direttore tecnico generale dell'Anas.

"La disponibilità dell'Anas è molto importante e quello ottenuto oggi è un risultato significativo perché parliamo di un'opera strategica percorsa ogni giorno da 400 - 500 mezzi pesanti, soprattutto per il tessuto industriale e produttivo della Val di Sangro, che resta uno dei pilastri economici ed occupazionali della nostra provincia - dice il Presidente Di Giuseppantonio - Sono state le imprese a chiederci di intervenire perché oggi al completamento della Fondo Valle Sangro sono legati non solo i maggiori costi che le imprese devono sostenere per i trasporti ma anche futuri insediamenti: senza una viabilità adeguata sono a rischio gli investimenti e dunque la nuova occupazione".

"160 milioni di euro rappresentano una cifra molto consistente - aggiunge il Presidente Di Giuseppantonio - ma necessaria, come ci hanno spiegato i tecnici dell'Anas, perché in quell'ultimo tratto sarà inevitabile realizzare gallerie, e dunque opere d'arte molto costose ed impegnative, ed effettuare interventi legati alla franosità di alcuni tratti del territorio. Tutti i partecipanti alla riunione hanno dimostrato di avere a cuore il completamento della Fondo Valle Sangro, abbiamo il sostegno della Regione, e siamo pronti a  sollecitare il Governo con una istanza unitaria che arriva dal territorio, dalle sue istituzioni e dal mondo delle imprese, affinché metta a disposizione i  fondi necessari a garantire, attraverso quest'arteria, competitività ed attrattività del territorio, e dunque economia e sviluppo del tessuto industriale".

"Abbiamo anche avuto rassicurazioni -  conclude il Presidente Di Giuseppantonio - che entro la prossima estate sarà aperta al traffico la Variante all'abitato di Quadri. E' un grande risultato che eviterà alle popolazioni il disagio dovuto al continuo andirivieni dei mezzi pesanti nel centro abitato e alle imprese ulteriori costi. L'Anas si è inoltre impegnata a risolvere il problema del viadotto Barche,  inagibile ormai da anni".

I senatori Di Stefano e Legnini, nell'evidenziare che si tratta di un progetto strategico nazionale, hanno confermato il loro impegno  affinché si giunga al finanziamento dell'opera. Dal canto suo il Presidente Mazzuto ha sottolineato che anche il territorio molisano avrà grossi benefici dal completamento dell'arteria con l'eliminazione di un grosso flusso di traffico pesante.


Un momento dell'incontro