1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Provincia di Chieti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Si apre uno spiraglio di salvezza per i Tribunali di Lanciano e Vasto

Recepite dalla Commissione Giustizia della Camera le Osservazioni del tavolo tecnico provinciale

Si apre uno spiraglio per la salvezza dei Tribunali di Lanciano e Vasto a rischio soppressione: la Commissione Giustizia della Camera dei Deputati nel parere reso allo schema di Decreto legislativo di revisione delle Circoscrizioni giudiziarie, ha infatti recepito completamente le osservazioni prodotte dal tavolo tecnico coordinato dalla Provincia di Chieti nella riunione del 23 luglio scorso. Lo rendono noto il Presidente della Provincia Enrico Di Giuseppantonio e il Consigliere delegato Paolo Sisti.

All'esito di quella riunione, infatti, era stato elaborato un documento tecnico, inviato alla Commissione Giustizia, in  cui  si chiedeva lo stralcio delle disposizioni riguardanti i Tribunali abruzzesi, atteso che, così come formulato, il decreto appare incostituzionale per eccesso di delega. La Legge delega prevede, infatti,  che ogni determinazione relativa alla riorganizzazione degli uffici giudiziari delle circoscrizioni di Chieti e L'Aquila è differita di tre anni a causa delle conseguenze del terremoto del 6 aprile 2009 e quindi ad oggi nessuna decisione può essere adottata dal Governo.

"Grazie al lavoro sinergico dei Parlamentari eletti in provincia di Chieti, dei Consiglieri regionali, dei Sindaci e degli Ordini degli Avvocati è stato  raggiunto un risultato straordinario che salvaguarda presidi di legalità e giustizia presenti sul territorio della nostra provincia - dicono il Presidente Di Giuseppantonio e il Consigliere Sisti - Questo è un primo passo importante che però non ci deve far abbassare la guardia in vista delle decisioni definitive del Governo che arriveranno entro la prima settimana di settembre. E' evidente  che il recepimento delle nostre osservazioni nel parere definitivo della Commissione Giustizia, è di buon auspicio per una soluzione positiva".