1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Provincia di Chieti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

La Provincia si impegna tutelare il made in Italy nella produzione agro-alimentare: approvato all'unanimità un Ordine del giorno

I prodotti realizzati all'estero imitando quelli italiani provocano un danno economico al mercato agroalimentare italiano

Il Consiglio provinciale ha approvato all'unanimità un Ordine del giorno proposto dal consigliere Franco Moroni che impegna il Presidente e la Giunta ad adottare tutte le iniziative di competenza della Provincia per tutelare il made in Italy agro-alimentare. E ad assumere informazioni utili a definire l'impatto causato dai prodotti che imitano le produzioni agro-alimentari italiane sulle filiere agricole ed alimentari del territorio provinciale, anche ai fini della tutela degli interessi della stessa Provincia.

"Oggi è più che mai necessario arginare l'avanzata, sul mercato italiano, dei prodotti agroalimentari esteri che imitano le produzioni tipiche italiane, come ad esempio  quelle Dop, senza averne né l'origine né la qualità - dice Moroni - e che immesse sul mercato ostacolano la diffusione dei prodotti agricoli e alimentari di origine italiana. I prodotti realizzati all'estero imitando quelli italiani, provocano un danno economico al mercato agroalimentare italiano di circa 60 miliardi di euro l'anno, oltre al danno all'immagine dell'Italia nel mondo e un danno ai consumatori che sono ignari di consumare prodotti venduti per italiani ma che italiani non sono".

"Un danno - sottolinea Moroni - che ricade anche sul mondo della produzione agricola ed alimentare della nostra provincia e dunque sull'economia locale. Questa iniziativa vuole rafforzare anche l'azione già intrapresa dall'Assessorato  alle politiche agricole della Regione Abruzzo  in materia di tutela delle produzioni locali e quindi del made in Italy".