1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Provincia di Chieti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Provincia, eletto il nuovo Collegio dei Revisori dei Conti: costerà circa il 35% in meno

Il Presidente Di Giuseppantonio: "Questa Amministrazione prosegue nella linea del rigore sulla spesa corrente"

La Provincia ha un nuovo Collegio dei Revisori dei Conti e l'organismo, in linea con la politica di riduzione di tutte le spese attuata sin dall'insediamento da questa Amministrazione, costerà circa il 35% in meno alle casse dell'Ente. Il nuovo presidente del Collegio è il dott. Andrea Cirulli, iscritto all'Albo dei Revisori; componenti sono stati eletti il dott. Cesare Vizioli, iscritto nell'Albo dei Dottori commercialisti ed Esperti contabili e il dott. Antonino Amorosi iscritto nell'Albo dei Revisori. Il Collegio è incaricato anche delle funzioni di revisione economico-contabile della istituzione denominata "Sistema Bibliotecario Provinciale".

"Con il rinnovo del Collegio abbiamo deciso di apportare un sostanzioso ribasso ai compensi percepiti dai Revisori e ciò in linea con la politica di rigore della spesa corrente che ci siamo dati da tre anni a questa parte ed in piena sintonia con la spending rewiew praticata dal Governo e che per dare in suoi frutti deve essere applicata anche a livello locale - dice il Presidente Enrico Di Giuseppantonio - Vorrei ricordare che la razionalizzazione della spesa per il personale, operata da 3 anni a questa parte, è passata anche per la riduzione del numero dei Dirigenti, sono attualmente 4 a fronte dei 13 che abbiamo trovato al momento dell'insediamento. E che nello stesso periodo la spesa per il personale si è ridotta di ben 5,2 milioni di euro senza che ciò abbia inciso sulla qualità dei servizi resi ai cittadini".

"A ciò si aggiungano - sottolinea il Presidente Di Giuseppantonio - le economie che abbiamo ottenuto procedendo, fra l'altro, al taglio di linee telefoniche inutili, alla eliminazione di onerosissimi canoni di locazione passiva, all'accorpamento di Uffici all'interno di edifici di proprietà della Provincia e alla razionalizzazione dell'intera spesa energetica. Ed è su questa strada che intendiamo proseguire fino al termine della consiliatura".