1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Provincia di Chieti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Via Verde della Costa dei Trabocchi: a Fossacesia la Regione e la Provincia oggi hanno firmato la Convenzione che porterà alla erogazione di 15 milioni di euro per realizzare l'opera

Il Presidente Di Giuseppantonio: "Da oggi cambia la storia turistica dell'Abruzzo, per quanto mi riguarda è un sogno che si avvera. Prossimi passi l'emissione dei bandi e l'affidamento dei lavori". Il Presidente Chiodi annuncia altri 5 milioni di euro da destinare al progetto

E' stato firmato questa mattina a Fossacesia dal Presidente della Regione Gianni Chiodi e dal Presidente della Provincia Enrico Di Giuseppantonio lo schema di Convenzione per la progettazione e la realizzazione della Via Verde della Costa dei Trabocchi, presenti il Consigliere di Stato Alessandro Di Loreto, gli Assessori regionali Mauro Febbo, Federica Carpineta e Luigi De Fanis, il Direttore dirigente della Direzione affari della Presidenza Servizio pianificazione territoriale della Regione Antonio Sorgi, i Sindaci della costa della Provincia di Chieti, i Sottoscrittori dello Studio di fattibilità del Comprensorio turistico della Costa dei Trabocchi, rappresentanti del mondo economico e produttivo.

La Convenzione, che individua la Provincia come Ente attuatore dell'intervento, è il passaggio decisivo nella realizzazione dell'opera perché, oltre a dettare gli aspetti tecnico procedurali, è l'atto che consente alla Provincia di ricevere materialmente dalla Regione 15 milioni di euro di fondi FAS grazie ai quali sarà possibile avviare in concreto i lavori.

"Da oggi cambia la storia turistica dell'Abruzzo, si scrive la storia di un nuovo sviluppo turistico di questa Provincia e di questa regione perché si gettano le basi per costruire una grande opera pubblica, che interesserà 35 chilometri del nostro litorale,  e per restituire nuova vita a un tracciato che rischiava di finire all'abbandono - ha detto il Presidente Di Giuseppantonio - Abbiamo fatto passi da gigante: in meno di un anno siamo passati dalla sottoscrizione del Protocollo d'intesa presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, che sancì l'impegno formale delle Ferrovie dello Stato a cedere l'ex tracciato ferroviario a 7,5 milioni di euro, dopo una richiesta iniziale di 50 milioni di euro, alla firma, lo scorso 5 luglio, del contratto di comodato con il quale le Ferrovie dello Stato hanno ceduto aree, edifici e pertinenze esistenti sull'ex tracciato fra Ortona e Vasto, ai Comuni e alla Provincia, con quest'ultima che ha un ruolo di esclusivo coordinamento delle attività progettuali inerenti la realizzazione della Via Verde della Costa dei Trabocchi e di controllo delle attività dei singoli Comuni della costa sulle aree ferroviarie dismesse e da oggi di Ente attuatore".

"Il cerchio si chiude oggi con la firma della convenzione che significa abbiamo  i soldi necessari per acquistare  oltre un milione e 400mila metri quadrati fra terreni e fabbricati e di realizzare i primi lotti della pista ciclo pedonale. Credo che entro  la fine dell'estate si possa procedere alla pubblicazione dei bandi di appalto e per la fine dell'anno all'avvio dei lavori".

"Dedico questa firma ai giovani - ha sottolineato il Presidente Di Giuseppantonio - che spero possano beneficiare di questa iniziativa,  ma anche ai pionieri del turismo che tanto hanno già investito in un settore che dovrà diventare un'industria in grado di produrre posti di lavoro e ricchezza in un contesto che vede la crisi ciclica dell'automotive e di altri settori produttivi tradizionali. Oggi è come se posassimo idealmente la prima pietra di quest'opera. Siamo già in corsa e non ci fermeremo. Ringrazio il Presidente Chiodi con il quale abbiamo condiviso questo percorso, e lo ringrazio ancora di più perché oggi ci annuncia la disponibilità di ulteriori 5 milioni di euro che possiamo destinare a questo progetto, ringrazio tutti i Sindaci, tutti coloro che credono nel turismo come la nuova industria del nostro territorio che, lo ribadisco, dovrà produrre occasione di lavoro e di nuova imprenditorialità. Per quanto mi riguarda è un sogno che si sta avverando, che iniziai a coltivare quando, nel 2007, ero Sindaco di questa Città. E qui a Fossacesia un lungo percorso trova il suo coronamento".