1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Provincia di Chieti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Gli Uffici ex Genio Civile dal prossimo 24 novembre a rischio paralisi, chiesta la proroga dell'entrata in vigore della Legge Regionale 28/2011

Il Presidente Di Giuseppantonio: "Subito un tavolo di confronto". L'Assessore Campitelli: "Pronti a restituire la delega alla Regione"

"La Provincia di Chieti sospenderà la propria partecipazione alla conferenza permanente Regione - Enti locali ed a tutte le fasi di consultazione con la Regione Abruzzo fino a quando non verranno affrontate e risolte alcune questioni, prima fra tutte l'entrata in vigore della Legge Regionale 28/2011 che, dal prossimo 24 novembre, rischia di mandare in tilt, a causa della mancanza di personale, il lavoro delle Attività tecniche territoriali sismiche (ex Genio Civile). E altrettanto chiederò di fare alle altre Province abruzzesi la prossima settimana nella mia veste di presidente dell'Upa. In applicazione della nuova norma, infatti, tutti i progetti dovranno essere controllati ed autorizzati, uno per uno: un compito gravoso e di grande responsabilità che la Provincia di Chieti non potrà fronteggiare - se non a costo di paralizzare l'attività dell'Ufficio - con un organico di un solo ingegnere e due tecnici".

Lo afferma il Presidente della Provincia Enrico Di Giuseppantonio. "Serve immediatamente un incontro chiarificatore e bisogna aprire un tavolo di confronto dal momento che si tratta di un'attività che la Regione ha delegato alla Provincia ma senza prevedere la contestuale attribuzione di risorse umane e finanziarie. In questo modo la Provincia di Chieti non solo rischia di non poter mandare avanti centinaia di progetti presentati da cittadini e imprenditori, con ulteriori gravi danni per l'intera economia. Ma rischia di diventare, ingiustamente, il terminale di una protesta, di cui ci sono le prime avvisaglie, da parte degli utenti del Genio Civile e degli Ordini professionali. E tutto questo per quanto ci riguarda è inaccettabile. Alla Regione, inoltre, da tempo chiediamo un maggior sostegno per i servizi sociali e risorse da destinare ad un Piano straordinario di manutenzione delle strade: a quest'ultimo riguardo, unitamente a tutti i Sindaci della Provincia di Chieti, abbiamo chiesto che una parte della accise sulla benzina o una parte dei proventi del bollo auto vengano destinati al finanziamento del Piano. Anche in questo caso non abbiamo avuto alcuna risposta ed è per questo che un confronto diretto con la Regione, su tutte le problematiche sollevate, è urgente e ineludibile".

"L'imminente entrata in vigore della Legge Regionale 28/2011 rischia di provocare un drastico rallentamento nel settore dell'edilizia con inevitabili ripercussioni su tutto il sistema  economico regionale - dice l'assessore provinciale all'urbanistica Nicola Campitelli. E' dunque opportuno che la Regione, almeno in questa fase, disponga una proroga dell'entrata in vigore della Legge in modo che ci sia tempo per dare una risposta al problema della carenza di personale. In caso contrario dal 24 novembre ci vedremo costretti, nostro malgrado, a riconsegnare la delega alla Regione e a rifiutare le pratiche in entrata. Gli Ordini professionali interessati e tutte le Province abruzzesi  condividono le nostre preoccupazioni e hanno già segnalato l'assoluta incertezza che regna intorno all'entrata in vigore della nuova Legge. Purtroppo fino ad oggi dalla Regione è giunto soltanto un generico impegno informale a garantire il personale necessario: ma non vi è alcuna certezza  né sui numeri né sui tempi. E, in questa situazione, gli Uffici rischieranno il blocco dell'attività".