1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Provincia di Chieti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

La strada provinciale Trastulli - Valle Padula trasferita al Comune di Castel Frentano. Il vice Presidente Tavani e il Sindaco De Santis d'accordo: "Un modo più attento di gestire il patrimonio viario"

E per la rotatoria di San Rocco e i marciapiedi sull'ex SS 84 Frentana pronto un intervento di 337mila euro

La Provincia di Chieti ha definitivamente trasferitoal demanio del Comune di Castel Frentano la strada provinciale Trastulli -Valle Padula. L'iter era iniziato l'11 agosto del 2010 con un'istanzapresentata dal Comune a cui ha fatto seguito la deliberazione della Provinciache tre mesi più tardi, l'11 novembre, ha autorizzato il passaggio. Un mesedopo, il 10 dicembre, la Provincia ha stanziato una prima somma, pari a 23.870,48 euroda corrispondere al Comune quale contributo per lavori di risanamento. La Provincia ha inoltrestanziato 35.000 euro sul bilancio 2011 e sul bilancio del 2012 la somma di48.629,52 quale saldo della somma complessiva di 107.500,00 euro che verràtrasferita al Comune di Castel Frentano in esecuzione dell'accordo di programmafra Comune, Provincia, Sangritana e G6 Rete Gas con il quale sono statistabiliti gli impegni di ciascun ente. Il definitivo trasferimento della Stradaè stato autorizzato lo scorso 11 ottobre dal Consiglio Provinciale.
 
"Si tratta di un provvedimento 'in controtendenza',in quanto nella maggior parte dei casi i Comuni tendono a chiedere la"provincializzazione" di strade comunali rispetto alle quali non riescono più agarantire un livello minimo di manutenzione, e per tale motivo appareparticolarmente apprezzabile la volontà del Comune di Castel Frentano di farsicarico di un tale onere - hanno detto nel corso di una conferenza stampa ilvice presidente della Provincia nonché assessore alla viabilità Antonio Tavanie il sindaco di Castel Frentano  PatriziaDe Santis, presente l'assessore provinciale all'urbanistica Nicola Campitelli -Tale assunzione di responsabilità da parte del Comune dà attuazione allanormativa in materia di classificazione delle strade, in cui si prevede che lestrade debbano possedere determinati requisiti tecnici per poter essereclassificate "provinciali". Questa  formadi collaborazione tra la Provincia e il Comune di Castel Frentano rappresenta un primotentativo di gestire in modo più attento e coordinato il patrimonio viario delterritorio provinciale, attuando con intelligenza e lungimiranza il principiodi sussidiarietà, così da rendere più efficace il servizio alla cittadinanza".
 
Nel corso della conferenza stampa sono stati ancheillustrati i lavori di  manutenzione della S.P. Sant'Eusanio -Castel Frentano e il completamento marciapiedi sulla ex SS 84 Frentana nelComune di Castel Frentano. L'intervento prevede la sistemazione larealizzazione di una rotatoria in località San Rocco e di un trattosignificativo di marciapiede lungo la ex S.S. n. 84 a partire dalla rotatoriain direzione Lanciano.
 
"La progettazione dei lavori è stata avviata nel 2008ma si è effettivamente concretizzata solo nel luglio 2010 con la presentazionedi un progetto definitivo aggiornato - dice il vice Presidente Tavani. Sullabase di tale progettazione l'Amministrazione provinciale ha provveduto acontrarre il mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti per l'importo di 337.000 euro. Ricadendol'intervento in ambito urbano si è reso necessario sottoscrivere un accordo diprogramma per la variante urbanistica, procedura indispensabile ai fini della legittimità dell'esproprio.Inoltre il progetto è stato sottoposto all'attenzione della Ferrovia Sangritanaal fine di addivenire alla sottoscrizione di una convenzione finalizzata allarimozione dell'impianto di protezione della ferrovia costituito da barriere afilo così da consentire l'allargamento della sede stradale in prossimitàdell'attraversamento ferroviario. Nel 2008 - conclude Tavani - i lavori dellarotatoria vennero previsti grazie ad un emendamento presentato dall'alloragruppo di Alleanza Nazionale ma l'amministrazione Coletti, purapprovandolo,  non li finanziò".