1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Provincia di Chieti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

La Provincia dice no alle ispezioni sismiche nell'Adriatico

Di Giuseppantonio e Moroni: "Il nostro mare non può tollerare la presenza di ulteriori impianti estrattivi"

Un invito a non rilasciare parere favorevole al progetto della Spectrum Geo Ltd di effettuare, attraverso il metodo AirGun, ispezioni simiche nel mare Adriatico, lungo tutta la riviera da Rimini a S. Maria di Leuca, e dunque anche nel tratto di mare antistante la provincia di Chieti, è contenuto in un documento stilato dalla Provincia di Chieti.

Il documento redatto dal consigliere Franco Moroni, delegato alle problematiche petrolifere, contiene una serie di Osservazioni sul progetto della società britannica che è finalizzato alla individuazione di giacimenti petroliferi. Le Osservazioni, condivise dal Presidente della Provincia Enrico Di Giuseppantonio e che si concludono con la richiesta di non rilasciare parere positivo al progetto, state inviate ai Ministeri dello Sviluppo Economico, dell'Ambiente e dei Beni culturali ma anche al Parlamento Europeo, al Sottosegretario Gianni Letta e al Presidente della Regione Gianni Chiodi.

Il metodo usato per le ispezioni sismiche noto come AirGun consiste in violentissimi spari di aria compressa rivolti verso i fondali marini, una tecnica invasiva che danneggerebbe flora e fauna marine.  Un progetto che, secondo il documento elaborato dalla Provincia, provocherebbe danni gravissimi alla pesca, è in totale contrasto con l'attuale assetto delle nostre coste e stravolgerebbe l'industria turistica, basata su un'immagine di territorio sano e sostenibile.

"Questa Amministrazione, come ha fatto sin dal suo insediamento, continuerà a perseguire la tutela del territorio e del mare - dicono il Presidente Di Giuseppantonio e il Consigliere Moroni. La pesca è uno dei fiori all'occhiello della nostra economia, assieme all'agricoltura e al turismo. Il nostro mare non può tollerare la presenza di ulteriori impianti estrattivi e per questo riteniamo che coloro che hanno il potere di decidere, debbano dire  no a questo progetto".

"E' anacronistico pensare di sfruttare l'Adriatico per produrre una piccola percentuale del fabbisogno nazionale di petrolio con pochissimi vantaggi per la collettività mentre bisogna investire nel turismo, nella pesca e nella difesa della costa teatina, come nelle linee programmatiche  di questa di questa Amministrazione".