1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Provincia di Chieti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Ex Istituto Agrario di Paglieta: pronto un Progetto di valorizzazione

Un progetto di valorizzazione redatto dalSettore Urbanistica della Provincia di Chieti permetterà al complesso dell'exIstituto Agrario di Paglieta di assumere un rilievo strategico nell'area della Val di Sangro. Il complesso ed i 74.000 metri quadrati di terreno sui quali sorge, è stato posto in vendita dalla Provincia nell'ambito del Piano di alienazione del patrimonio immobiliare necessario per il ripiano del deficit dell'Ente ma i tentativi di vendita all'asta esperiti fino ad oggi non hanno sortito alcun risultato. Di qui l'idea del progetto di valorizzazione immobiliare che applicando l'art. 58 della Legge n. 133/2008, permette di cambiare la destinazione urbanistica e di segnare così uno scenario strategico e innovativo. L'area infatti è stata suddivisa in tre ambiti, per ognuno dei quali è stata individuata una vocazione.

Ambito A: su una superficie di 23.600 metri quadrati il progetto prevede realizzazioni finalizzate ad attività commerciali, espositiva, terziario direzionale e di servizio alle imprese. Il progetto offre inoltre la possibilità di recuperare la stecca esistente, ovvero un fabbricato lungo estretto della superficie di 1500 metri quadrati, che ospita a garage e magazzini. Nello stesso Ambito, inoltre, sarà possibile nuova edificazione per una superficie di 1400 metri quadrati.
Ambito B: su una superficie di 28.700 metri quadrati sarà possibile insediare attività industriali, artigianali e commerciali. Potrà diventare una piccola zona industriale, la prima in Abruzzo ad essere realizzata applicando il modello APEA, ovvero Area Produttiva Ecologicamente Attenta. Si tratta di un modello di gestione sostenibile che prevede all'interno dell'area il ciclo delle acque, quello dei rifiuti, la nascita di un'isola ecologica, la produzione di energia da fonti rinnovabili e l'abbattimento delle emissione atmosfere: il tutto da parte di un unico Gestore che dovrà svolgere anche attività di marketing territoriale.
Ambito C: su una superficie di 21.600 metri quadratisarà possibile ospitare attività direzionali, di produzione tecnologica avanzata, di ristorazione e convegnistica, una foresteria, un incubatore di imprese, impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili. E' previsto inoltre il recupero dell'edificio che ospita l'asilo, di 4800 metri quadrati, con un ulteriore incremento di costruzione fino a 6500 metri quadrati, ovvero 1700 quadrati in più rispetto alla disponibilità esistente.

Il Progetto di valorizzazione, che questa mattina è stato presentato a Lanciano nel corso di una conferenza stampa dal Presidente della Provincia Enrico Di Giuseppantonio, presenti gli assessori all'urbanistica Nicola Campitelli e al patrimonio Alessio Monaco, e il sindaco di Paglieta Nicola Scaricacciotoli, è stato già proposto ed illustrato al Comune di Paglieta al quale compete di avviare l'iter amministrativo per il recepimento delle nuova destinazione urbanistica nel proprio Piano Regolatore Generale. Completata tale procedura, fin dal prossimo Avviso publico, la Provincia potrà mettere in vendita ognuna delle tre aree singolarmente, e non in un unico lotto come è avvenuto fino ad oggi, e con una destinazione urbanistica che una volta sviluppata rivoluzionerà l'intera area dell'ex Istituto Agrario.

"Questa è una grande scommessa - ha detto ilPresidente Di Giuseppantonio - che si gioca su un tavolo che deve vedere protagonisti gli Enti e i privati. Da una parte c'è un aspetto importante legato alla vendita dell'ex Agrario e che per la Provincia significa incassare denaro preziosissimo con cui fronteggiare la gravissima situazione finanziariache ne fa un Ente in pre dissesto. Dall'altra c'è una valenza strategica di eccezionale rilevanza, un'occasione direi unica: trasformare una vasta area che si trova a 3 chilometri dall'agglomerato industriale della Val di Sangro e daPaglieta, a 11 chilometri dalla stazione ferroviaria e dal porto turistico diFossacesia e a 15 chilometri da Lanciano in un insediamento all'avanguardiasotto il profilo dell'impatto e del rispetto dell'ambiente, capace di creare occupazione e di offrire servizi alla zona industriale della Val di Sangro, a Paglieta, a tutto il comprensorio frentano. La Provincia ha fatto la sua parte, il Comune di Paglieta ha accettato il nostro progetto con entusiasmo: adesso tocca  a chi, come noi, ha a cuore la nostra provincia ed il suo sviluppo, i suoi giovani e le loro aspettative, investire sul futuro".

Lanciano, 25 giugno 2011