1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Provincia di Chieti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Protezione Civile

Attività di Protezione Civile

Tipologia delle Attività di Protezione Civile

Le attività di protezione civile previste dalla legislazione vigente sono le seguenti:

  • PREVISIONE
  • PREVENZIONE
  • SOCCORSO
  • SUPERAMENTO DELL'EMERGENZA
 

La PREVISIONE consiste nelle attività di studio dirette alla :

  • determinazione delle cause dei vari fenomeni calamitosi
  • identificazione dei rischi
  • individuazione delle zone del territorio soggette ai rischi stessi
 

La PREVENZIONE consiste nelle attività volte ad evitare o minimizzare la possibilità che si registrino danni a persone e/o attrezzature in conseguenza del verificarsi degli eventi calamitosi ipotizzati in sede di previsione.

 

Il SOCCORSO consiste nella attuazione degli interventi diretti ad assicurare alle popola-zioni colpite da eventi calamitosi, previsti o meno, ogni forma di assistenza primaria in fase di emergenza.

 

Il SUPERAMENTO DELL'EMERGENZA consiste nella attuazione, coordinata fra tutti gli organi competenti, degli interventi necessari per il ripristino di condizioni normali di vita successivamente al verificarsi di un evento calamitoso.

 

Tipologia degli Eventi e Ambiti di Competenza

Ai fini della attività di protezione civile gli eventi calamitosi, siano essi naturali o connessi con l'attività dell'uomo, vanno classificati in funzione dell'ambito di competenza:

  1. eventi che possono essere fronteggiati mediante interventi attuabili dai singoli enti e amministrazioni competenti in via ordinaria [evento tipo a)];
  2. eventi che, per la loro natura e/o estensione, comportano l'intervento coordinato di più enti e amministrazioni competenti in via ordinaria [evento tipo b)];
  3. calamità naturali, catastrofi o altri eventi che per intensità e/o estensione debbono essere fronteggiati con mezzi e poteri straordinari [evento tipo c)].
 

Schematicamente si può affermare che:

  1. gli eventi di tipo a) interessano di norma l'ambito comunale e gli interventi di soccorso sono coordinati dal Sindaco;
  2. gli eventi di tipo b) interessano di norma l'ambito sovracomunale e gli interventi di soccorso sono coordinati dagli organismi territoriali intermedi (province, comunità montane, unioni di comuni, ecc.) sulla base degli indirizzi fissati dalle regioni e con l'eventuale supporto degli organismi territoriali sovraordinati (Provincia e Regione);
  3. gli eventi di tipo c) sono di competenza del Servizio di Protezione Civile Nazionale, che opera in raccordo con le regioni interessate e con l'assistenza delle strutture operative nazionali.